Requisiti per l’accesso alle cure termali a carico del Servizio Sanitario Nazionale

Accesso alle cure termali in convenzione A.S.L. con ricetta medica – D.M. 15/12/1994 G.U. 9/03/1995

È sufficiente farsi rilasciare dal proprio medico di famiglia o dallo specialista la richiesta indicante la diagnosi ed il ciclo di cura.

-TICKET-
Pagamento del TICKET fino all’importo massimo di € 60,00. Sono esonerati i soggetti di cui all’art. 8, comma 16, della Legge n. 537/1993 (cittadini di età inferiore ai 6 anni e superiore ai 65 appartenenti a nucleo familiare con reddito inferiore a € 36151,98; portatori di neoplasie maligne, pazienti in attesa di trapianti d’organo e titolari di pensioni sociali; titolari di pensioni al minimo di età superiore a 60 anni e disoccupati, appartenenti a nuclei familiari con reddito inferiore a € 8263,31 incrementato fino a € 11362,05 in presenza del coniuge e di un ulteriore € 516,46 per ogni figlio a carico); le persone individuate nel decreto Sanità n. 329/1999 (portatori di malattie croniche e invalidanti); gli invalidi di guerra titolari di pensione diretta vitalizia, i grandi invalidi per servizio, gli invalidi civili al 100% e i grandi invalidi del lavoro.

Si ha diritto ad un ciclo di cura l’anno a carico della A.S.L.

Hanno la possibilità di usufruire di più cicli di cura nell’anno legale esclusivamente: invalidi di guerra, grandi invalidi del lavoro, invalidi per causa di servizio.

INVALIDI CIVILI
(ciechi, sordomuti..) non hanno diritto ad un ulteriore ciclo di cure.

DURATA DELLA CURA TERMALE: la cura termale prescritta non può essere fatta in due periodi differenti (es. giugno – settembre), può essere completata nell’arco di tre settimane consecutive.

-ESENZIONI-

ESENZIONE TOTALE
(non pagano la quota fissa di € 3,10) con obbligo da parte del medico curante di indicare sull’impegnativa il tipo e numero di esenzione.

1 Invalidi di guerra appartenenti alle categorie dalla 1^ alla 5^.
2 Invalidi di guerra appartenenti alle categorie dalla 6^ alla 8^ solo per le prestazioni legate alle patologie invalidanti.
3 Invalidi per servizio appartenenti alla 1^ categoria.
4 Invalidi civili con invalidità del 100%.
5 Invalidi civili con assegno di accompagnamento.
6 Grandi invalidi del lavoro.
7 Non vedenti civili.
8 Ventesimisti binoculari.
9 Minori di 18 anni con indennità di accompagno.

ESENZIONE PARZIALE
(pagano la quota fissa di € 3,10) con obbligo da parte del medico curante di indicare sull’impegnativa il tipo e numero di esenzione.

1 Invalidi per servizio appartenenti alle categorie dalla 2^ alla 5^.
2 Invalidi per servizio appartenenti alle categorie dalla 6^ alla 8^ (solo per le prestazioni legate alla patologia invalidante).
3 Invalidi civili con invalidità superiore a 2/3 e fino al 99%.
4 Invalidi per lavoro e malattie professionali con invalidità superiore a 2/3 e fino al 79%.
5 Invalidi per lavoro e malattie professionali con invalidità inferiore a 2/3 (solo per prestazioni legate alla patologia invalidante).
6 Sordomuti.
7 Esenti per patologia (solo per le prestazioni legate alla patologia invalidante).
8 Portatori di patologie neoplastiche maligne.